Nuove ricette

Snack del giorno: Frico Caldo . di Frasca

Snack del giorno: Frico Caldo . di Frasca


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Foto di tutto ciò che riguarda cibo e bevande da The Daily Meal

Snack del giorno: Frico Caldo . di Frasca

Gli editori, i collaboratori e i lettori di The Daily Meal scavano in alcuni ottimi ristoranti, festival e pasti. Non sempre c'è abbastanza tempo per dare una recensione completa di un ristorante o descrivere in modo approfondito perché un luogo, il suo cibo e le persone che lo preparano sono degni di nota, quindi Snackshot of the Day fa ciò che le fotografie fanno meglio, affidati all'immagine per fare la maggior parte del parlare. Lo Snackshot di oggi è una foto del frico caldo al Boulder, il ristorante di Colo. Frasca Enogastronomia.

Lo chef Lachlan Mackinnon-Patterson non ha inventato il frico caldo, ma visti tutti i consensi che circondano la sua versione quando lo si cerca su Google, pensare lui aveva. Le patate Yukon Gold con cipolle e Piave (un formaggio di latte vaccino prodotto nella valle del fiume Piave nel nord Italia) sono croccanti e condite con coriandolo tritato all'aceto e puntini di speck. Il Denver Post ha notato il frico caldo di Frasca come uno dei suoi 100 piatti preferiti del 2011, e per una buona ragione. Chiamarlo il miglior hash brown di patate al formaggio che puoi immaginare potrebbe non trasmettere completamente il piacevole roteare degli occhi che sperimenterai ad ogni boccone, ma hai l'idea.

Maggiori informazioni sulla funzione Snackshot di The Daily Meal. Per inviare la tua foto, invia un'e-mail a jbruce[at]thedailymeal.com, con oggetto "Snackshots".

Arthur Bovino è l'editore esecutivo del Daily Meal. Segui Arthur su Twitter.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (alias American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti al midollo osseo e alla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (alias American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti al midollo osseo e alla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (alias American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti al midollo osseo e alla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (aka American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti dal midollo osseo e dalla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (aka American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti al midollo osseo e alla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (aka American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti al midollo osseo e alla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (aka American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti dal midollo osseo e dalla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. Per entrare in tutti noi in quello spirito di festa di Rapture, ho posto la seguente domanda ad alcuni dei migliori chef della nazione: Vieni sabato (aka American Apocalypse Day), di tutti i piatti che hai fatto nella tua vita, qual è quello che vuoi essere ricordato per? Ecco le loro ultime testimonianze di cucina:

Michelle Bernstein (Michy, Miami) è sopravvissuta a lei rabo encendido su biscotti, con burro all'arancia: coda di bue al cacao, peperoncini, peperoni, pomodori e demi-glace, in umido fino a staccarsi dall'osso, sopra casalinga, alta, croccante fuori, umida dentro , biscotti bollenti con abbondante burro all'arancia dolce da spalmare.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) è sopravvissuto alla sua porchetta con polenta morbida, peperoncini sott'aceto e insalata di prezzemolo.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) è sopravvissuto al suo croque monsieur di salmone affumicato con caviale.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) è sopravvissuto al suo intero Poulet Rouge arrosto, preparato semplicemente con sale e pepe e timo fresco, poi cotto a fuoco in un forno a legna.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) è sopravvissuto al suo doppio cheeseburger con pancetta di cinghiale, uovo di quaglia, salsa d'amore, lattuga, sottaceti e portobello fritto.

Michael Paley (Prova su Main, Louisville) è sopravvissuto ai pancake a forma di Topolino che prepara per i suoi figli nel fine settimana.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) è sopravvissuto alla sua versione della specialità friulana frico caldo: patate Yukon Gold sminuzzate con formaggio Montasio e cipolle appassite, fritte in una padella di ghisa.

Marco Canora (Heart, New York) è sopravvissuto al suo stufato di coniglio con olive e rosmarino.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) è sopravvissuto alla sua insalata di pomodori cimelio Hot and Hot.

George Mendes (Aldea, New York) è sopravvissuto ai suoi gamberetti alhinho fatta con olio d'oliva, aglio, coriandolo e pimenton e completa con il sugo pressato delle teste dei gamberi.

Ravi Kapur (Prospettiva, San Francisco) è sopravvissuto al suo carpaccio di lingua di manzo con ostriche fritte speziate, rafano, sedano di zucca e sottaceti.

Bruce ed Eric Bromberg (Nastro Blu, New York) sono sopravvissuti al midollo osseo e alla marmellata di coda di bue.

Richard Garcia (606 Congresso, Boston) è sopravvissuto al suo mais messicano grigliato: mais fresco grigliato su carbone, arrotolato nella maionese e poi nel formaggio cotija e servito con uno spicchio di lime.

Cristoforo Cipollone (Dieci centesimi, New York) è sopravvissuto ai suoi ravioli di porchetta con ricotta affumicata Salvatore, cime di rapa e uovo in camicia.

Robert Aikens (Il dente di leone, Filadelfia) è sopravvissuto al suo fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, New York) è sopravvissuto alla sua carnitas.

Mitch Rosenthal (Municipio, San Francisco) è sopravvissuto al suo barbecue di gamberi con salsa Worcestershire e pane tostato alle erbe all'aglio.

Todd Stein (Il Fiorentino, Chicago) è sopravvissuto ai suoi bucitini alla carbonara, serviti con pancetta stagionata in casa, pecorino e un ricco tuorlo d'uovo d'anatra.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) è sopravvissuto alle sue capesante arrosto con succotash di piselli dagli occhi neri, prosciutto di campagna affumicato e glassa al bourbon.

Elisabetta Karmel (Barbecue Hill Country, New York) è sopravvissuta al suo cupcake PB&J.


Cosa bolle in pentola per il giorno del giudizio: gli ultimi pasti dei 20 migliori chef

Non sono sicuro di aver sentito, ma il 21 maggio è il giorno del giudizio, a quanto pare, il che è un vero inconveniente per quelli di noi che si sono presi il tempo per ottenere una bella prenotazione per la colazione della domenica mattina. Onestamente, ho trovato questa previsione molto più divertente prima che New York City fosse sommersa da temporali torrenziali per i primi tre giorni di questa settimana. Ora, sembra che tutto ciò che resta da fare sia attendere l'inevitabile piaga delle cavallette e riflettere sui trionfi culinari passati. To get in us all in that Rapture party spirit, I posed the following question to some of the nation's best chefs: Come Saturday (aka American Apocalypse Day), of all the dishes that you've made in your lifetime, what's the one that you want to be remembered for? Herein, their last testaments to cuisine:

Michelle Bernstein (Michy's, Miami) is survived by her rabo encendido over biscuits, with orange butter: oxtail with cocoa, chilies, peppers, tomatoes and demi-glace, stewed 'til it falls off the bone, over homemade, tall, crisp-on-the-outside, moist-on-the-inside, piping-hot biscuits with plenty of sweet orange butter for spreading.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) is survived by his porchetta with soft polenta, pickled chiles, and parsley salad.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) is survived by his smoked salmon croque monsieur with caviar.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) is survived by his whole roasted Poulet Rouge, simply prepared with salt and pepper and fresh thyme, then cooked with fire in a wood-burning oven.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) is survived by his double cheeseburger with wild-boar bacon, quail egg, love sauce, lettuce, pickles, and a fried portobello.

Michael Paley (Proof on Main, Louisville) is survived by the Mickey Mouse-shaped pancakes that he makes for his kids on the weekend.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) is survived by his version of the Friulian specialty frico caldo: shredded Yukon Gold potatoes with Montasio cheese and sweated onions, fried in a cast-iron skillet.

Marco Canora (Hearth, NYC) is survived by his rabbit stew with olives and rosemary.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) is survived by his Hot and Hot heirloom tomato salad.

George Mendes (Aldea, NYC) is survived by his shrimp alhinho made with olive oil, garlic, coriander and pimenton &mdash complete with the pressed jus from the shrimp heads.

Ravi Kapur (Prospect, San Francisco) is survived by his beef-tongue carpaccio with spiced fried oysters, horseradish, pumpernickel, and pickles.

Bruce and Eric Bromberg (Blue Ribbon, NYC) are survived by their bone marrow and oxtail marmalade.

Richard Garcia (606 Congress, Boston) is survived by his grilled Mexican corn: grilled fresh corn over charcoal, rolled in mayonnaise and then cotija cheese, and served with a lime wedge.

Christopher Cipollone (Tenpenny, NYC) is survived by his porchetta ravioli with Salvatore smoked ricotta, broccoli rabe and poached egg.

Robert Aikens (The Dandelion, Philadelphia) is survived by his fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, NYC) is survived by his carnitas.

Mitch Rosenthal (Town Hall, San Francisco) is survived by his barbecue shrimp with Worcestershire sauce and garlic herb toast.

Todd Stein (The Florentine, Chicago) is survived by his bucitini carbonara, served with house-cured pancetta, Pecorino, and a rich, yolky duck egg.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) is survived by his roasted sea scallops with black-eyed pea succotash, smoked country ham, and bourbon glaze.

Elizabeth Karmel (Hill Country Barbecue, NYC) is survived by her PB&J cupcake.


What's Cooking for Judgment Day: 20 Top Chefs' Last Meals

Not sure if you've heard, but May 21st is doomsday, apparently, which is a real downer for those of us who took the time to get a nice reservation for breakfast on Sunday morning. Honestly, I found this prediction way more amusing before New York City was engulfed in torrential rainstorms for the first three days of this week. Now, it seems that all that's left to do is await that inevitable plague of locusts and reflect on culinary triumphs past. To get in us all in that Rapture party spirit, I posed the following question to some of the nation's best chefs: Come Saturday (aka American Apocalypse Day), of all the dishes that you've made in your lifetime, what's the one that you want to be remembered for? Herein, their last testaments to cuisine:

Michelle Bernstein (Michy's, Miami) is survived by her rabo encendido over biscuits, with orange butter: oxtail with cocoa, chilies, peppers, tomatoes and demi-glace, stewed 'til it falls off the bone, over homemade, tall, crisp-on-the-outside, moist-on-the-inside, piping-hot biscuits with plenty of sweet orange butter for spreading.

Michael Symon (Lola Bistro, Cleveland) is survived by his porchetta with soft polenta, pickled chiles, and parsley salad.

Eric Ripert (Le Bernardin, New York City) is survived by his smoked salmon croque monsieur with caviar.

Michael Schwartz (Michael's Genuine Food & Drink, Miami) is survived by his whole roasted Poulet Rouge, simply prepared with salt and pepper and fresh thyme, then cooked with fire in a wood-burning oven.

tim amore (The Lonesome Dove Western Bistro, Fort Worth, Texas) is survived by his double cheeseburger with wild-boar bacon, quail egg, love sauce, lettuce, pickles, and a fried portobello.

Michael Paley (Proof on Main, Louisville) is survived by the Mickey Mouse-shaped pancakes that he makes for his kids on the weekend.

Lachlan Mackinnon Patterson (Frasca Food and Wine, Boulder, Colorado) is survived by his version of the Friulian specialty frico caldo: shredded Yukon Gold potatoes with Montasio cheese and sweated onions, fried in a cast-iron skillet.

Marco Canora (Hearth, NYC) is survived by his rabbit stew with olives and rosemary.

Chris Hastings (Hot and Hot Fish Club, Birmingham, Alabama) is survived by his Hot and Hot heirloom tomato salad.

George Mendes (Aldea, NYC) is survived by his shrimp alhinho made with olive oil, garlic, coriander and pimenton &mdash complete with the pressed jus from the shrimp heads.

Ravi Kapur (Prospect, San Francisco) is survived by his beef-tongue carpaccio with spiced fried oysters, horseradish, pumpernickel, and pickles.

Bruce and Eric Bromberg (Blue Ribbon, NYC) are survived by their bone marrow and oxtail marmalade.

Richard Garcia (606 Congress, Boston) is survived by his grilled Mexican corn: grilled fresh corn over charcoal, rolled in mayonnaise and then cotija cheese, and served with a lime wedge.

Christopher Cipollone (Tenpenny, NYC) is survived by his porchetta ravioli with Salvatore smoked ricotta, broccoli rabe and poached egg.

Robert Aikens (The Dandelion, Philadelphia) is survived by his fish and chips.

David Schuttenberg (Dickson's Farmstand Meats, NYC) is survived by his carnitas.

Mitch Rosenthal (Town Hall, San Francisco) is survived by his barbecue shrimp with Worcestershire sauce and garlic herb toast.

Todd Stein (The Florentine, Chicago) is survived by his bucitini carbonara, served with house-cured pancetta, Pecorino, and a rich, yolky duck egg.

James Boyce (Cotton Row, Huntsville, Alabama) is survived by his roasted sea scallops with black-eyed pea succotash, smoked country ham, and bourbon glaze.

Elizabeth Karmel (Hill Country Barbecue, NYC) is survived by her PB&J cupcake.


Guarda il video: FRICO (Potrebbe 2022).