Nuove ricette

Focolaio di epatite riconducibile ai melograni

Focolaio di epatite riconducibile ai melograni

Una spedizione di semi di melograno dalla Turchia è responsabile di un focolaio di epatite A che si sta diffondendo negli Stati Uniti

Secondo NPR, un focolaio continuo di epatite A negli Stati Uniti è stato rintracciato in una spedizione di semi di melograno dalla Turchia.

Finora, la malattia si è diffusa a 136 persone. Nel tentativo di contenere il virus, la Food and Drug Administration ha ordinato che tutte le spedizioni dalla società che ha spedito il frutto - Goknur Foodstuffs Import Export Trading - fossero tenute nei porti commerciali americani.

L'epatite A è una malattia che provoca infiammazione del fegato e si diffonde attraverso il consumo di cibi e bevande.

Coloro che sono stati infettati dall'epidemia hanno acquistato un mix di bacche congelate biologico a Costco composto da bacche e chicchi di semi di melograno dagli Stati Uniti, dall'Argentina, dal Cile e dalla Turchia. Gli Stati Uniti importano il 50 percento della frutta fresca, il 20 percento delle verdure fresche e l'80 percento dei frutti di mare da altri paesi.


Una donna è morta di epatite A dopo aver mangiato semi di melograno congelati che erano collegati a un richiamo

Un focolaio di epatite A legato ai semi di melograno congelati ha ucciso una donna di 64 anni in Australia. I funzionari del governo del paese hanno fatto l'annuncio all'inizio di questa settimana e hanno ricordato alla gente che i semi fanno parte di un richiamo nazionale.

"Questo è un caso raro e tragico e offro le mie sincere condoglianze alla famiglia della donna", ha detto in un comunicato stampa il capo ufficiale medico e capo della sanità pubblica del South Australia Health, Paddy Phillips. Si ritiene che la morte della donna, che non è stata pubblicamente identificata, sia l'unica fatalità legata a questo focolaio, ha detto a SELF Lauren Barker, consulente per i media per South Australia Health.

I semi di melograno congelati Creative Gourmet da 180 grammi sono stati inizialmente richiamati due mesi fa e ci sono stati 24 casi di epatite A legati ai semi. "Il periodo di incubazione per l'epatite A è generalmente compreso tra 15 e 50 giorni, quindi non prevediamo ulteriori casi perché il prodotto è stato richiamato due mesi fa", afferma il comunicato stampa.

L'epatite A viene solitamente trasmessa quando qualcuno inconsapevolmente ingerisce il virus da cibo, bevande o oggetti che sono stati contaminati da piccole quantità di materiale fecale di una persona infettata dal virus, spiega il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) . Tuttavia, le persone possono anche contrarla da uno stretto contatto personale con una persona infetta.

La maggior parte delle persone che contraggono l'epatite A avrà sintomi come febbre, affaticamento, perdita di appetito, nausea, vomito, cacca color argilla e ittero circa quattro settimane dopo essere stati esposti, afferma il CDC, e i sintomi possono durare fino a due mesi (anche se alcune persone possono avere sintomi fino a sei mesi). "Ma di solito non uccide le persone", dice a SELF l'esperto di malattie infettive Amesh A. Adalja, M.D., studioso senior presso il John's Hopkins Center for Health Security.

Quelli che muoiono a causa della malattia di solito hanno una malattia epatica sottostante che avrebbe già compromesso la loro funzione epatica, afferma il dott. Adalja. (La storia medica della donna morta in Australia rimane sconosciuta.) Le persone immunocompromesse possono anche essere a maggior rischio di gravi complicanze dell'epatite A rispetto ad altre, William Schaffner, MD, specialista in malattie infettive e professore alla Vanderbilt University School of Medicine, racconta SELF. Il rischio che qualcuno abbia un'improvvisa perdita della funzionalità epatica a causa dell'epatite A aumenta anche con l'età, afferma la Mayo Clinic.

Non esiste un farmaco antivirale specifico progettato per trattare l'epatite A, Richard Watkins, M.D., specialista in malattie infettive ad Akron e professore associato presso la Northeast Ohio Medical University, dice a SELF. Quindi le persone ricevono spesso cure di supporto per aiutarle a superare i sintomi spiacevoli.

Secondo il CDC, ci sono stati circa 4.000 casi di epatite A negli Stati Uniti nel 2016. Lo scorso gennaio, un focolaio di epatite A si è verificato nello Utah in relazione al cibo venduto a 7-Eleven, Olive Garden e Sonic Drive-In, causando almeno 133 casi di infezione.

Nel 2016, c'è stata un'epidemia multistatale di epatite A legata alle fragole congelate che ha causato 143 casi di infezione e un altro focolaio del virus legato alle capesante crude alle Hawaii nello stesso anno. E nel 2013, un mix di bacche congelate che includeva semi di melograno è stato richiamato dopo che il prodotto è stato collegato ad almeno 34 casi di epatite A in cinque stati.

Il vaccino per l'epatite A è stato introdotto negli Stati Uniti nel 1995 e ora viene somministrato con altre vaccinazioni infantili di routine (sebbene molti adulti non siano stati vaccinati). "I tassi di epatite A sono diminuiti drasticamente negli Stati Uniti grazie alle vaccinazioni", afferma il dott. Adalja.

Mentre l'epatite A può presentarsi nel cibo, non è affatto così comune come le infezioni da cose come la salmonella o l'E. coli, afferma il dott. Schaffner. E se hai ricevuto il vaccino contro l'epatite A, dovresti essere protetto anche se finisce nel cibo. Praticare una buona igiene delle mani, che include lavarsi accuratamente le mani dopo aver usato il bagno, cambiare i pannolini e prima di preparare o mangiare cibo, può anche aiutare a ridurre la diffusione dell'infezione, afferma il CDC.

"Non devi essere molto preoccupato per questo", dice il dottor Schaffner. "Nel complesso, la nostra fornitura di cibo è molto sicura".

Tuttavia, se sospetti di essere stato infettato dall'epatite A, è importante consultare il medico. Dovrebbero essere in grado di confermare una diagnosi e offrire cure di supporto per farti sentire più a tuo agio.


Focolaio di epatite A negli USA associato ad arilli di melograno congelati importati dalla Turchia: un caso studio epidemiologico

Sfondo: Nel maggio 2013, negli Stati Uniti si è verificata un'epidemia di infezioni sintomatiche da virus dell'epatite A. Funzionari della sanità pubblica federale, statale e locale hanno indagato sulla causa dell'epidemia e hanno avviato azioni per controllarne la diffusione. Abbiamo studiato la fonte dell'epidemia e valutato le misure di sanità pubblica utilizzate.

Metodi: Abbiamo intervistato i pazienti, ottenuto le informazioni relative agli acquisti e fatto l'analisi genetica del virus dell'epatite A recuperato dai campioni di siero e feci dei pazienti. Abbiamo testato i prodotti per il virus e tracciato le catene di approvvigionamento.

Risultati: Dei 165 pazienti identificati da dieci stati, 69 (42%) sono stati ricoverati in ospedale, due hanno sviluppato epatite fulminante e uno ha avuto bisogno di un trapianto di fegato, nessuno è morto. L'esordio della malattia si è verificato dal 31 marzo al 12 agosto 2013. L'età media dei pazienti era di 47 anni (IQR 35-58) e 91 (55%) erano donne. 153 pazienti (93%) hanno riferito di aver consumato il prodotto B dal rivenditore A. 40 pazienti (24%) avevano il prodotto B nei loro congelatori e 113 (68%) lo hanno acquistato secondo i dati del rivenditore A. Virus dell'epatite A genotipo IB, non comune in nelle Americhe, è stato recuperato da campioni di 117 persone con malattia da virus dell'epatite A. Arilli di melograno importati dalla Turchia, dove il genotipo IB è comune, sono stati identificati nel prodotto B. Nessun virus dell'epatite A è stato rilevato nel prodotto B.

Interpretazione: Gli arilli di melograno congelati importati sono stati identificati come il veicolo all'inizio dell'indagine combinando l'epidemiologia – con dati provenienti da diverse fonti – l'analisi genetica dei campioni dei pazienti e la tracciabilità del prodotto. Il prodotto B è stato rimosso dagli scaffali dei negozi, il pubblico è stato avvertito di non mangiare il prodotto B, sono stati effettuati richiami del prodotto ed è stata fornita la profilassi post-esposizione sia con il vaccino contro il virus dell'epatite A che con l'immunoglobulina. I nostri risultati mostrano che le moderne azioni di sanità pubblica possono aiutare a rilevare e controllare rapidamente la malattia da virus dell'epatite A causata dal cibo importato. I nostri risultati mostrano che la profilassi post-esposizione può prevenire con successo la malattia dell'epatite A quando viene identificato un prodotto specifico. I prodotti alimentari importati combinati con la diminuzione dell'immunità in alcune popolazioni adulte potrebbero rendere necessario questo tipo di intervento in futuro.

Finanziamento: Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, la Food and Drug Administration statunitense e i dipartimenti di sanità pubblica statali e locali degli Stati Uniti.


Un focolaio riconducibile ai melograni rivela difetti nella catena alimentare globale

Gli investigatori della malattia hanno rintracciato la continua epidemia di epatite A che finora ha ammalato 136 persone negli Stati Uniti a una spedizione di semi di melograno dalla regione anatolica della Turchia.

Di conseguenza, la Food and Drug Administration ha ordinato che tutte le nuove spedizioni della società che ha spedito il frutto sospetto, Goknur Foodstuffs Import Export Trading, siano sequestrate nei porti americani.

Questo dovrebbe essere sufficiente per porre fine a questa epidemia. L'epatite A si diffonde comunemente quando gli operatori alimentari non si lavano le mani dopo aver usato il bagno. Ma nell'attuale epidemia, ci sono lievi variazioni nel virus tra le persone che si sono ammalate. Ciò suggerisce che il melograno potrebbe essere stato contaminato da acque reflue che trasportano il virus da più di una persona.

È inquietante pensare che alcune persone in Turchia potrebbero causare una grave epidemia in tutto il mondo. Fa sembrare la sicurezza alimentare globale una versione ad alto rischio del gioco per bambini degli anni '80 Dove nel mondo è Carmen Sandiego?

Tutte le persone che si sono ammalate hanno acquistato il mix biologico di frutti di bosco surgelati presso Costco, un'azienda rinomata per i suoi sforzi in materia di sicurezza alimentare. Dato che gli Stati Uniti ottengono il 50 percento della loro frutta fresca, il 20 percento delle sue verdure fresche e l'80 percento dei suoi frutti di mare da altri paesi, siamo condannati a più focolai come questo?

Abbiamo chiamato Michael Taylor, vice commissario per gli alimenti e la medicina veterinaria presso la FDA, per scoprirlo.

"Penso che l'epidemia di epatite A sia una meravigliosa istantanea della composizione del sistema alimentare globale e delle sfide che presenta per la sicurezza alimentare", ha detto Taylor a The Salt.

"Rispecchia la diversità delle condizioni nei punteggi e nei punteggi dei paesi coinvolti", afferma.

Il mix di bacche congelate in questo focolaio era stato confezionato da Townsend Farms Inc., di Fairview, Oregon, utilizzando bacche e arilli di melograno, o chicchi di semi, provenienti da Stati Uniti, Argentina, Cile e Turchia - un mini-United Nations di frutta .

La FDA attualmente ispeziona meno del 2% delle importazioni di cibo, quindi la supervisione delle importazioni è lasciata in gran parte ai trasformatori e ai distributori statunitensi. Spesso assumono società chiamate revisori di terze parti per ispezionare produttori e trasformatori stranieri.

Alcuni di questi audit di terze parti sono stati condotti bene, dice Taylor, e "alcuni non sono stati fatti bene".

"Nel caso dei prodotti", aggiunge, "si tratta di prestare attenzione alla qualità microbica dell'acqua utilizzata nella lavorazione".

In un caso infame del 2011, un revisore dei conti privato ha dato a un impianto di confezionamento di meloni cantalupi recensioni entusiastiche mentre distribuiva meloni contaminati da listeria 30 persone sono morte.

Nel 2011, il Congresso ha approvato il Food Safety Modernization Act, inteso a porre rimedio a questi problemi. Ma solo ora la legge sta per essere messa in atto.

A gennaio, la FDA ha pubblicato proposte di regolamento per due aspetti chiave della nuova legge sulla sicurezza alimentare: standard scientifici per le aziende ortofrutticole e requisiti per i trasformatori di alimenti per sviluppare controlli per prevenire la contaminazione. Altri regolamenti proposti, sull'accreditamento di revisori di terze parti e sul requisito che gli importatori statunitensi abbiano un programma di verifica dei fornitori esteri, sono in lavorazione.

"Una caratteristica centrale di FSMA è che abbiamo modi migliori per assicurarci che tali standard vengano rispettati", afferma Taylor. "Non serve a nulla avere regolamenti sui libri se non possiamo ispezionare e far rispettare".

La legge conferisce alla FDA più potere di supervisionare i revisori dei conti di terze parti e di effettuare le proprie ispezioni all'estero. Ma entrambi questi compiti costano denaro e non è chiaro se il Congresso consegnerà il tipo di denaro necessario per farlo bene.

"Dobbiamo essere realistici", dice Taylor. "Non c'è nessun interruttore che spegneremo e non abbiamo malattie di origine alimentare. Ma dovremmo essere consapevoli di dove sono i rischi".

Copyright 2013 NPR. Per saperne di più, visita www.npr.org.

PODCAST IN PRIMO PIANO

Le notizie di San Diego quando le vuoi, dove le vuoi. Ricevi storie locali su politica, istruzione, salute, ambiente, confine e altro ancora. I nuovi episodi sono pronti le mattine dei giorni feriali. Presentato da Anica Colbert e prodotto da KPBS, San Diego e dalla stazione NPR e PBS della contea imperiale.


ARTICOLI CORRELATI

"Abbiamo record molto buoni, sappiamo da dove provengono i semi di melograno, stiamo esaminando chi è il broker e lo stiamo riacquistando lungo la catena alimentare per arrivarci", ha detto Gaar.

Ha detto che Townsend Farms crede che Costco sia l'unico cliente che ha acquistato il prodotto, ma sta controllando se anche altri rivenditori lo hanno venduto.

Contaminati: le bacche congelate, nella foto, prodotte a Townsend Farms in Oregon sono state collegate a un focolaio di epatite A.

La CNN riferisce che i dipartimenti sanitari statali, la FDA e il CDC stanno indagando, dopo aver informato Townsend Farms giovedì e aver inviato gli investigatori alla fattoria di Fairview.

L'epatite A è una malattia altamente infettiva che infiamma il fegato e di solito viene trasmessa attraverso cibo o acqua contaminati o da qualcuno che è infetto.

Il sito web della Mayo Clinic afferma: "I casi lievi di epatite A non richiedono cure e la maggior parte delle persone infette guarisce completamente senza danni permanenti al fegato.

Tuttavia, l'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che una grave infezione può portare a insufficienza epatica e morte, con circa 1,4 milioni di casi di epatite A ogni anno in tutto il mondo.


Un focolaio riconducibile ai melograni rivela difetti nella catena alimentare globale

Un frutto che alcuni pensavano fosse quello che Eva usava per tentare Adamo è stato coltivato in Medio Oriente per secoli. Foto: iStockphoto.com

Post di Nancy Shute, The Salt a NPR Food (7/3/13)

Gli investigatori della malattia hanno rintracciato la continua epidemia di epatite A che finora ha ammalato 136 persone negli Stati Uniti a una spedizione di semi di melograno dalla regione anatolica della Turchia.

Di conseguenza, la Food and Drug Administration ha ordinato che qualsiasi nuova spedizione dalla società che ha spedito il frutto sospetto, la Goknur Foodstuffs Import Export Trading, sia sequestrata nei porti americani.

Questo dovrebbe essere sufficiente per porre fine a questa epidemia. L'epatite A si diffonde comunemente quando gli operatori alimentari non si lavano le mani dopo aver usato il bagno. Ma nell'attuale epidemia, ci sono lievi variazioni nel virus tra le persone che si sono ammalate. Ciò suggerisce che il melograno potrebbe essere stato contaminato da acque reflue che trasportano il virus da più di una persona.

È inquietante pensare che alcune persone in Turchia potrebbero causare un grave focolaio di malattia in tutto il mondo. Fa sembrare la sicurezza alimentare globale una versione ad alto rischio del gioco per bambini degli anni '80 Dove nel mondo è Carmen Sandiego?

Tutte le persone che si sono ammalate hanno acquistato il mix biologico di frutti di bosco surgelati presso Costco, un'azienda rinomata per i suoi sforzi in materia di sicurezza alimentare. Dato che gli Stati Uniti ottengono il 50 percento della loro frutta fresca, il 20 percento delle sue verdure fresche e l'80 percento dei suoi frutti di mare da altri paesi, siamo condannati a più focolai come questo?

Abbiamo chiamato Michael Taylor, vice commissario per gli alimenti e la medicina veterinaria presso la FDA, per scoprirlo.

"Penso che l'epidemia di epatite A sia una meravigliosa istantanea della composizione del sistema alimentare globale e delle sfide che presenta per la sicurezza alimentare", ha detto Taylor a The Salt.

"Rispecchia la diversità delle condizioni nei punteggi e nei punteggi dei paesi coinvolti", afferma.

Un piatto del XVI secolo proveniente dall'attuale Iran, impreziosito da melograni. Molte culture considerano il frutto un simbolo di fertilità. Foto: Museo del Louvre/Wikimedia Commons

La miscela di bacche congelate in questo focolaio era stata confezionata da Townsend Farms Inc., di Fairview, Oregon, utilizzando bacche e arilli di melograno, o semi di semi, provenienti da Stati Uniti, Argentina, Cile e Turchia e un mini frutto delle Nazioni Unite.

La FDA attualmente ispeziona meno del 2% delle importazioni di cibo, quindi la supervisione delle importazioni è lasciata in gran parte ai trasformatori e ai distributori statunitensi. Spesso assumono società chiamate revisori di terze parti per ispezionare produttori e trasformatori stranieri.

Alcuni di questi audit di terze parti sono stati condotti bene, dice Taylor, e "alcuni non sono stati fatti bene".

"Nel caso dei prodotti", aggiunge, "si tratta di prestare attenzione alla qualità microbica dell'acqua utilizzata nella lavorazione".

In un caso infame del 2011, un revisore dei conti privato ha dato a un impianto di confezionamento di meloni cantalupi recensioni entusiastiche mentre distribuiva meloni contaminati da listeria 30 persone sono morte.

Nel 2011, il Congresso ha approvato il Food Safety Modernization Act, inteso a porre rimedio a questi problemi. Ma solo ora la legge sta per essere messa in atto.

A gennaio, la FDA ha pubblicato proposte di regolamento per due aspetti chiave della nuova legge sulla sicurezza alimentare: standard scientifici per le aziende ortofrutticole e requisiti per i trasformatori di alimenti per sviluppare controlli per prevenire la contaminazione. Altri regolamenti proposti, sull'accreditamento di revisori di terze parti e sul requisito che gli importatori statunitensi dispongano di un programma di verifica dei fornitori esteri, sono in lavorazione.

"Una caratteristica centrale di FSMA è che abbiamo modi migliori per assicurarci che tali standard vengano rispettati", afferma Taylor. "Non serve a nulla avere regolamenti sui libri se non possiamo ispezionare e far rispettare".

La legge conferisce alla FDA più potere di supervisionare i revisori dei conti di terze parti e di effettuare le proprie ispezioni all'estero. Ma entrambi questi compiti costano denaro e non è chiaro se il Congresso consegnerà il tipo di denaro necessario per farlo bene.

"Dobbiamo essere realistici", dice Taylor. "Non c'è nessun interruttore che spegneremo e non abbiamo malattie di origine alimentare. Ma dovremmo essere consapevoli di dove sono i rischi".


Il ruolo del CDC nella risposta alle epidemie di epatite A

I dipartimenti sanitari statali e locali in genere conducono le indagini sui focolai locali di epatite A. Quando richiesto dal dipartimento sanitario, il CDC può supportare i dipartimenti sanitari in queste indagini:

  • Comunicare con i funzionari della sanità pubblica degli stati con casi segnalati e fornire assistenza tecnica
  • Raccogliere dati segnalati dagli stati sui casi confermati e valutare e monitorare questi dati da una prospettiva nazionale
  • Fornire supporto alla fornitura e distribuzione di vaccini e allo sviluppo di strategie di risposta ai vaccini
  • Test di campioni clinici da casi sospetti di epatite A quando richiesto dagli stati
  • Fornire assistenza tecnica e rispondere a domande relative ai test di laboratorio molecolari e sierologici
  • Fornire assistenza rapida sul campo durante le indagini sull'epidemia, spesso attraverso una richiesta formale da parte del dipartimento sanitario statale
  • Avvisare i medici, le strutture sanitarie e i funzionari della sanità pubblica in tutto il paese sugli attuali focolai e fornire una politica sui vaccini e una guida clinica per gli operatori sanitari e
  • Fornire informazioni al pubblico e agli operatori sanitari attraverso una varietà di media.

Focolaio di epatite A: l'azienda Gresham richiama i semi di melograno

La Scenic Fruit Co. di Gresham ricorda più di 61.000 sacchi di semi di melograno in un focolaio di epatite A che ha ammalato più di 120 persone.

Un'altra società dell'Oregon è stata coinvolta in un focolaio di epatite A legato ai semi di melograno importati.

Scenic Fruit Co., con sede a Gresham, ha detto giovedì che è

di chicchi di melograno surgelati organici di Woodstock venduti in Oregon e in altri stati del paese. Funzionari sanitari federali affermano che i semi, importati dalla Turchia, hanno causato danni

riconducibile a una miscela di bacche congelate prodotta da Townsend Farms a Fairview. La sua miscela antiossidante organica è stata venduta nei negozi Costco in tutto il paese e conteneva gli stessi semi di melograno.

Almeno 122 persone si sono ammalate nell'epidemia, con 17 casi in Arizona, 62 in California, 25 in Colorado, cinque ciascuno nelle Hawaii, nel New Mexico e nel Nevada, e due nello Utah e uno nel Wisconsin.

Nessun caso è stato identificato in Oregon.

Funzionari sanitari federali hanno affermato di non aver ricevuto alcuna segnalazione di infezione da epatite A legata ai chicchi di melograno biologico congelati di Woodstock. Hanno anche testato i semi ma non hanno trovato prove del virus.

I chicchi di melograno sono stati distribuiti in 8 once. sacchetti di plastica richiudibili con il codice UPC 0 42563 01628 9 tra febbraio e maggio. Sono stati venduti ai centri di distribuzione UNFI in California, Colorado, Connecticut, Florida, Georgia, Indiana, Iowa, New Hampshire, Pennsylvania, Rhode Island, Texas e nello stato di Washington. La società ha affermato che potrebbero essere stati venduti a negozi al dettaglio in altri stati.

I semi sono stati importati dalla Turchia. La FDA non ha commentato se siano stati ulteriormente distribuiti negli Stati Uniti.

L'epatite A può incubare nel corpo fino a 50 giorni prima che compaiano i sintomi. Si va dalla stanchezza al vomito e alla diarrea. Un vaccino può prevenire l'infezione se somministrato entro 14 giorni.


Townsend Farms ricorda la frutta congelata legata all'epatite A

(CNN) - Townsend Farms sta richiamando i sacchetti di una miscela di frutta congelata comunemente usata nei frullati perché potrebbero essere contaminati dal virus dell'epatite A, ha affermato la società in una nota.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, si sospetta che la miscela di antiossidanti organici di Townsend e aposs sia un focolaio del virus che ha colpito cinque stati occidentali.

Trentaquattro persone sono state infettate dall'epatite A e 11 di loro sono state ricoverate in ospedale a partire da lunedì. Le infezioni sono state segnalate in Arizona, California, Colorado, Nevada e New Mexico, ha detto martedì il sito web del CDC.

Diciannove delle 25 persone malate intervistate dal CDC hanno riferito di aver mangiato la miscela antiossidante biologica di Townsend Farms.

La miscela di frutta con ingredienti contaminati è stata inviata ai negozi Costco e ai negozi Harris Teeter. Alla Costco, i codici richiamati includono da T012415 a T053115, i consumatori possono trovarli sul retro della confezione vicino alle parole "BEST BY." Le confezioni Harris Teeter hanno i codici "BEST BY" di T041615E o T041615C.

L'epidemia è stata fatta risalire ai semi di melograno provenienti dalla Turchia che si trovano nel mix di frutta di Townsend Farms, secondo la dichiarazione della società. Il mix contiene semi di melograno e altri prodotti provenienti da Argentina, Cile e Stati Uniti.

"Non vi è alcuna indicazione che le ciliegie e altri frutti di bosco siano contaminati", ha affermato William E. Gaar, un avvocato di Townsend Farms.

I dipartimenti sanitari statali, la Food and Drug Administration e il CDC continuano a indagare. La società è stata informata dell'epidemia giovedì dal CDC, che ha inviato gli investigatori all'impianto di lavorazione di Townsend Farms a Fairview, in Oregon, ha detto Gaar.

L'epatite A viene solitamente trasmessa tramite cibo o acqua contaminati o da qualcuno che è infetto, secondo il sito Web della Mayo Clinic. Si raccomanda il lavaggio frequente delle mani per limitare la diffusione dell'epatite A.

L'infezione altamente contagiosa infiamma il fegato e ne limita la capacità di funzionare.

"I casi lievi di epatite A don&apost richiedono un trattamento e la maggior parte delle persone infette guarisce completamente senza danni permanenti al fegato", afferma il sito Web della Mayo Clinic.

I casi gravi possono portare a insufficienza epatica e morte, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità. Ci sono circa 1,4 milioni di casi di epatite A ogni anno in tutto il mondo.

I consumatori che potrebbero aver mangiato il prodotto contaminato devono contattare il proprio medico e il prodotto deve essere gettato immediatamente.


Che cos'è l'epatite A e come si può contrarre mangiando frutta congelata?

A sette persone nel New South Wales è stata diagnosticata l'epatite A dopo aver mangiato semi di melograno congelati importati da Coles. Sebbene ancora sotto inchiesta, la società responsabile della produzione ha richiamato il prodotto implicato in via precauzionale.

Circa 40.000 confezioni di Creative Gourmet Frozen Melograno Arils sono state vendute da quando sono arrivate sugli scaffali nel settembre 2017. NSW Health consiglia ai consumatori di smaltire immediatamente qualsiasi cosa in loro possesso.

Che cos'è l'epatite A?

L'epatite A è un virus che infetta il fegato. I sintomi di solito richiedono 15-50 giorni per svilupparsi dopo l'infezione iniziale e in genere durano per diverse settimane o talvolta più a lungo.

I sintomi possono variare da febbre, debolezza, stanchezza, perdita di appetito, nausea, dolori muscolari, vomito e ittero (colorazione gialla degli occhi e della pelle). A volte non ci sono sintomi, in particolare tra i bambini piccoli.

L'insufficienza epatica e la morte per epatite A sono molto rare, ma occasionalmente si verificano tra coloro che presentano condizioni di salute croniche esistenti, in particolare quelle che colpiscono il fegato. La vaccinazione contro l'epatite A è raccomandata per coloro che convivono con l'epatite B e C.

Come si diffonde?

L'epatite A si diffonde quando una persona ingerisce materiale fecale da una persona infetta. Ciò può verificarsi attraverso il contatto da persona a persona (anche attraverso il contatto sessuale o anche apparentemente banale) o il consumo di cibo e acqua contaminati.

L'epatite A è un virus piuttosto infettivo. Sono necessarie solo quantità microscopiche di cacca per infettare le persone e causare sintomi. Le persone che vivono nella stessa casa con una persona con epatite A hanno un rischio maggiore di contrarre l'epatite A se non ricevono interventi preventivi.

Il virus può sopravvivere per ore sulle mani e su altre superfici come utensili da cucina e piatti. Quindi è importante assicurarsi che le persone infette si lavino adeguatamente le mani dopo aver usato il bagno ed evitino completamente di maneggiare il cibo.

Il lavaggio delle mani è essenziale per prevenire la trasmissione del virus dell'epatite A.
Fonte: Getty Images

Le infezioni da epatite A si verificano raramente in Australia, con il numero di casi rilevati in forte calo negli ultimi 20 anni. La maggior parte delle infezioni riguarda persone che hanno viaggiato in paesi in cui la trasmissione dell'epatite A è comune a causa della scarsa igiene e della mancanza di accesso all'acqua potabile.

Quando si verificano epidemie, sono dovute a cibi contaminati, come abbiamo visto con i semi di melograno congelati, o alla trasmissione da persona a persona. Questo è il caso dell'attuale epidemia nel Victoria, che si è diffusa prevalentemente tra partner sessuali, sebbene si siano verificate anche altre vie di trasmissione.

Come viene trattato?

Sebbene l'epatite A possa causare una malattia significativa, il corpo di solito guarisce senza trattamento e diventa immune a future infezioni.

Un vaccino contro l'epatite A altamente efficace è disponibile da decenni e, una volta completamente vaccinato (due vaccinazioni distanziate di almeno sei mesi l'una dall'altra), sei protetto per tutta la vita.

È già successo?

I melograni sono stati collegati a epidemie a livello internazionale, ma non in Australia.

In passato, focolai alimentari in Australia si sono verificati in ostriche, lattuga, pomodori semisecchi e frutti di bosco congelati.

Bacche congelate importate dallo stesso produttore implicato nell'epidemia associata al melograno sono state richiamate a causa di casi collegati di epatite A nel 2015 e di nuovo nel 2017.

Questi focolai hanno portato ad alcune domande riguardanti lo screening e la regolamentazione degli alimenti importati che arrivano in Australia e hanno portato a nuove normative da parte del Dipartimento dell'Agricoltura, che richiedono la dichiarazione del produttore di bacche importate. Anche il Department of Agriculture and Food Standards Australia New Zealand (AFANZ) ha emesso linee guida e raccomandazioni per garantire che i produttori del settore siano conformi agli standard alimentari australiani.

I test di screening microbiologico per le bacche importate attualmente comportano solo test per il batterio intestinale E.Coli.

Perché sta succedendo di nuovo?

La contaminazione di melograni, bacche e altri prodotti alimentari con l'epatite A può verificarsi in diversi punti di produzione, attraverso:

  • l'uso di acqua contaminata durante l'irrigazione
  • le fasi di lavorazione e pulitura, oppure
  • manipolazione da parte di persone infette da epatite A che potrebbero non essersi lavate le mani prima della lavorazione e del confezionamento del prodotto fresco.

Sia i melograni che le bacche richiedono grandi quantità di acqua e manipolazione per la lavorazione, quindi non sorprende che questi tipi di focolai si siano verificati in Australia e in tutto il mondo.

Questi focolai tendono a essere segnalati in paesi come l'Australia con bassi tassi di epatite A. Questo perché ci sono persone più suscettibili nella popolazione che non sono immuni da infezioni naturali nelle prime fasi della vita. Inoltre, questi paesi tendono ad avere sistemi di sorveglianza meglio funzionanti e un accesso relativamente buono all'assistenza sanitaria.

La cottura può uccidere il virus dell'epatite A, ma assicurati che la frutta venga riscaldata ad almeno 85 gradi Celsius per più di un minuto.

Il congelamento della frutta non inattiva il virus dell'epatite A, che rimane stabile e in grado di causare infezioni nell'uomo se consumato. Il calore può uccidere il virus, tuttavia le bacche devono rimanere riscaldate a 85 gradi Celsius per almeno un minuto.

Dovrei essere preoccupato?

Sebbene questo prodotto di melograno congelato importato sia stato collegato all'epatite A, nessun melograno fresco (o prodotto in Australia) è stato collegato ai recenti casi di epatite A.

Se hai mangiato uno dei semi di melograno implicati nelle ultime settimane e stai riscontrando sintomi, consulta il tuo medico per un esame del sangue e non dimenticare di lavarti le mani.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation. Leggi l'articolo originale.


Guarda il video: 2017-10-16 MONTEMURLO - CASO DI EPATITE A A SCUOLA, VACCINAZIONE DI MASSA (Dicembre 2021).