Nuove ricette

Adolescenti che bevono e guidano in calo del 54%

Adolescenti che bevono e guidano in calo del 54%


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un nuovo studio mostra che la guida in stato di ebbrezza negli studenti è diminuita della metà negli ultimi 2 decenni

Un nuovo promettente studio dei Centers for Disease Control and Prevention mostra che il numero di adolescenti che bevono e guidano è diminuito di quasi il 54% negli ultimi due decenni. Se intervistato nel 1991, il 22,3 percento degli studenti delle scuole superiori di età pari o superiore a sedici anni ha ammesso di bere e guidare, rispetto allo studio del 2011, che ha mostrato un calo al 10,3 percento degli studenti.

Il declino è attribuito a diversi fattori, i più importanti: leggi stringenti. L'agenzia riferisce che nuove leggi che aumentano le punizioni per la guida in stato di ebbrezza e impongono maggiori restrizioni ai privilegi di guida degli adolescenti, come il coprifuoco per i giovani conducenti, stanno lavorando per frenare la guida in stato di ebbrezza. Un altro fattore, secondo l'agenzia, è una diminuzione della guida degli studenti, grazie in parte all'aumento dei prezzi della benzina e all'economia problematica.

Tuttavia, gli incidenti stradali rimangono la principale causa di morte tra gli studenti di età compresa tra 16 e 19 anni, con la guida in stato di ebbrezza che contribuisce a più di 800 decessi di adolescenti all'anno.

"Abbiamo visto progressi davvero buoni", afferma un membro dell'agenzia. "Ci stiamo muovendo nella giusta direzione, ma dobbiamo mantenere lo slancio".


Meno adolescenti guidano dopo aver bevuto, lo studio mostra

ATLANTA (Reuters) - La percentuale di studenti delle scuole superiori americane che bevono e guidano è diminuita di oltre la metà in due decenni, in parte a causa delle leggi più severe contro la guida sotto l'effetto dell'alcol, hanno detto martedì funzionari sanitari federali.

Secondo un nuovo studio dei Centers for Disease Control and Prevention, nel 2011, il 10,3 percento degli studenti delle scuole superiori di età pari o superiore a 16 anni ha riferito di aver bevuto e guidato nei 30 giorni precedenti, rispetto al 22,3 percento del 1991.

L'agenzia ha attribuito il calo di quasi il 54% a leggi più severe contro la guida in stato di ebbrezza e restrizioni sui privilegi di guida degli adolescenti, come i limiti alle ore in cui possono guidare legalmente di notte.

"Abbiamo visto progressi davvero buoni", ha detto ai giornalisti il ​​dott. Thomas R. Frieden, direttore dei centri. "Ci stiamo muovendo nella giusta direzione, ma dobbiamo mantenere lo slancio".

Nonostante la diminuzione, lo scorso anno quasi un milione di studenti delle scuole superiori ha consumato alcolici prima di mettersi alla guida.

Bere e guidare tra gli adolescenti è un fattore di oltre 800 decessi all'anno e gli incidenti stradali rimangono la principale causa di morte tra le persone di età compresa tra 16 e 19 anni, hanno affermato i centri.

Per il rapporto, l'agenzia ha analizzato i dati sui comportamenti a rischio raccolti da migliaia di studenti delle scuole superiori attraverso sondaggi nazionali e da 41 stati.

Nel 2011, la percentuale di studenti che hanno riferito di aver bevuto e guidato nei 30 giorni precedenti variava da un minimo del 4,6% nello Utah a un massimo del 14,5% nel Nord Dakota.

Gli studenti maschi di età pari o superiore a 18 anni erano i più propensi a bere e guidare, e le studentesse di 16 anni erano le meno probabili, ha affermato. L'ottantacinque per cento degli studenti delle scuole superiori che hanno riferito di aver bevuto e guidato nel mese precedente ha ammesso anche il binge drinking, definito come aver bevuto cinque o più drink in un breve periodo di tempo.

I centri hanno affermato che un altro fattore nel declino dell'alcolismo e della guida tra gli adolescenti è che gli studenti delle scuole superiori guidavano di meno, probabilmente a causa dei prezzi più alti della benzina e del rallentamento dell'economia.

Dal 2000 al 2010, la percentuale di studenti delle scuole superiori che non hanno guidato durante una settimana media è salita al 22 percento dal 15 percento, ha affermato l'agenzia sanitaria.

Il dottor Frieden ha affermato che i genitori sono fondamentali per garantire che i tassi di alcolismo e guida degli adolescenti continuino a diminuire.

"I bambini vedono come i loro genitori guidano fin dalla giovane età e modellano quel comportamento", ha detto. "I genitori sono una parte fondamentale dell'equazione qui."


Cos'è BAC?

Alcuni adolescenti potrebbero porre la domanda "Cos'è il BAC?" BAC sta per contenuto di alcol nel sangue ed è la percentuale di alcol nel sangue di una persona, normalmente determinata da un test chimico di respiro, sangue, urina o saliva. Di solito è espresso come percentuale di etanolo nel sangue in unità di massa di alcol per volume di sangue. In Nord America, un BAC di 0,1, o un decimo di punto percentuale, significa che per ogni 1.000 millilitri di sangue, il corpo contiene 1 millilitro di alcol. Mentre il numero di bevande consumate ha l'effetto maggiore sul proprio BAC, altri fattori come la velocità con cui si beve o il peso influenzano anche il contenuto di alcol nel sangue.


Incidenti di adolescenti che bevono e guidano verso il basso in modo significativo

La percentuale di adolescenti delle scuole superiori (di età pari o superiore a 16 anni) che hanno guidato mentre bevevano alcolici è diminuita del 54% tra il 1991 e il 2011, secondo uno studio sui segni vitali pubblicato oggi dai Centers for Disease Control and Prevention.

Fonte: Indagini sul comportamento a rischio dei giovani, Stati Uniti, 1991-2011

La ricerca ha dimostrato che i fattori che aiutano a mantenere gli adolescenti al sicuro includono il coinvolgimento dei genitori, l'età minima legale per bere alcolici e le leggi sulla tolleranza zero e i sistemi di patente di guida graduati.

Secondo quanto riferito, quasi un milione di adolescenti delle scuole superiori guidava quando bevevano alcolici nel 2011. Questi adolescenti erano responsabili di circa 2,4 milioni di episodi di bere e guidare al mese, il che significa che alcuni si sono impegnati nel comportamento pericoloso più di una volta al mese.

Bere e guidare è mortale per gli adolescenti

Meno adolescenti bevono e guidano, ma questo comportamento rischioso è ancora una grave minaccia.


Iscriviti per le notizie quotidiane!

Tieniti informato con la newsletter e-mail di WPR.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie affermano che quasi un milione di adolescenti bevono e guidano ogni anno. È molto meno di prima. Tra il 1991 e il 2011, c'è stato un calo del 54% a livello nazionale negli adolescenti che hanno ammesso di aver consumato alcol e poi hanno guidato. In Wisconsin, dal 1993, la percentuale di adolescenti che guidano dopo aver bevuto è scesa da 15 a 9. Il 23% ha dichiarato di essere passeggeri in un'auto gestita da qualcuno che aveva bevuto. Steve Fernan dirige benessere e prevenzione per il Dipartimento della Pubblica Istruzione. Dice che le leggi sull'assoluta sobrietà per i conducenti adolescenti e le patenti laureate hanno aiutato insieme a un giro di vite sui padroni di casa delle feste, "Penso che ci sia stata anche una consapevolezza che è stata aumentata attraverso la campagna I genitori che ospitano lose the Most in tutto lo stato che è in corso da un certo numero di anni, cercando di incoraggiare i genitori a non servire come ospiti sociali per i minorenni che bevono".

Alcune comunità del Wisconsin hanno promulgato vari livelli di multe per gli adulti che consentono agli adolescenti di consumare alcolici nella loro proprietà.


Statistiche 2012 sugli incidenti automobilistici con conducenti adolescenti

  • C'erano 2.823 incidenti automobilistici tra le persone di età compresa tra 13 e 19 anni.
  • 2.228 adolescenti sono morti negli incidenti stradali nel 2012.
  • Di tutti i decessi per incidenti stradali, gli adolescenti hanno rappresentato l'8%.
  • Nella prima parte del 2012, 240 conducenti di 16 e 17 anni sono morti in incidenti stradali.
  • Nel complesso, pilota di 16 e 17 anni i decessi sono aumentati del 19 percento dal 2011.
  • Rispetto a tutti gli altri giorni della settimana, il maggior numero di decessi per guida di adolescenti si è verificato domenica.

Statistiche che fanno riflettere: il consumo di alcol tra adolescenti continua a diminuire, secondo uno studio

Birra e altre bevande alcoliche sono in vendita in un negozio di liquori di Miami Beach. Un nuovo studio mostra una continua diminuzione del consumo di alcol da parte degli adolescenti e i ricercatori affermano che una probabile ragione è che l'alcol è diventato più difficile da assumere per loro.

Più adolescenti americani stanno solo dicendo di no all'alcol.

Un nuovo sondaggio nazionale rileva che il 40% degli adolescenti ha consumato alcolici nel 2015, incluso il 22% che lo ha fatto nei 30 giorni precedenti l'interrogatorio.

Queste cifre, pubblicate mercoledì nel rapporto annuale Monitoring the Future, sono le più basse dall'inizio del sondaggio nel 1975.

"Siamo molto incoraggiati dal continuo calo del consumo di alcol da parte dei minorenni illustrato in questi dati", ha dichiarato in una nota George F. Koob, direttore del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism. "Tuttavia, la percentuale di persone minorenni che bevono rimane ancora inaccettabilmente alta".

I ricercatori dell'Università del Michigan hanno intervistato un gruppo di quasi 45.000 studenti di terza, decima e dodicesima classe sulle loro abitudini di consumo di alcol e fumo, nonché sull'uso di farmaci illegali e soggetti a prescrizione.

Alcuni dei risultati più incoraggianti riguardavano l'alcol. Nel 2015, il 47% degli alunni di seconda media, il 29% di quelli di seconda e l'11% di quelli di terza media ha dichiarato di essersi ubriacato almeno una volta nella vita. Una generazione fa, nel 1991, le cifre equivalenti erano rispettivamente del 65%, 50% e 27%.

Inoltre, sebbene l'età legale per bere alcolici della nazione sia del 21, 58% dei ragazzi di 12°, il 42% di quelli di decima e il 21% di quelli di terza media ha affermato che una certa quantità di alcol era passata dalle loro labbra durante il 2015. Nel 1991, 78 La percentuale degli studenti delle scuole superiori, il 72% degli studenti del secondo anno delle superiori e il 54% degli studenti di terza media ha fatto la stessa affermazione.

Il calo del consumo di alcol si è esteso al binge drinking, che il rapporto ha definito come "avere cinque o più drink di fila in una o più occasioni nelle due settimane precedenti". In tutti e tre i gradi intervistati, l'11% degli studenti ha avuto almeno un episodio di binge drinking nel 2015. È la metà rispetto al 1997, secondo il leader dello studio Lloyd Johnston, che ha monitorato l'uso di droghe tra gli adolescenti americani sin dagli anni '60 dal suo posatoio presso l'Istituto per la ricerca sociale dell'Università del Michigan.

Suddivisa per livello scolastico, l'indagine ha rilevato che la prevalenza del binge drinking quest'anno è stata del 5% tra gli alunni di terza media, l'11% tra i ragazzi di decima e il 17% tra i ragazzi di seconda media.

Anche il “binge drinking” è in declino. Nel 2015, il 6,1% degli studenti delle scuole superiori ha dichiarato di aver bevuto 10 o più drink di fila, incluso il 3,5% che ne ha finiti 15 o più. Nel 2005, il primo anno in cui i ricercatori hanno chiesto informazioni sul binge drinking, il 10,6% degli studenti delle superiori aveva bevuto almeno 10 drink di fila, incluso il 5,7% che ne aveva bevuti almeno 15.

Johnston ha affermato che la disapprovazione dei propri coetanei, che è in aumento dal 2000, potrebbe spiegare parte di questo declino. Un altro fattore probabile è che gli adolescenti, specialmente quelli di terza media, affermano che è diventato più difficile per loro mettere le mani sull'alcol in primo luogo.

Anche così, ha aggiunto Johnston, la maggioranza degli studenti di tutte e tre le classi ha affermato che sarebbe stata in grado di prendere dell'alcol se davvero lo avesse voluto.

Lo studio Monitoring the Future è sponsorizzato dal National Institute on Drug Abuse, parte del National Institutes of Health.

Seguimi su Twitter @LATkarenkaplan e "mi piace" Los Angeles Times Science & Health su Facebook.

Ricevi la nostra newsletter gratuita sul Coronavirus Today

Iscriviti per ricevere le ultime notizie, le migliori storie e cosa significano per te, oltre alle risposte alle tue domande.

Occasionalmente potresti ricevere contenuti promozionali dal Los Angeles Times.

Karen Kaplan è editrice scientifica e medica del Los Angeles Times. Prima di entrare a far parte del gruppo scientifico, si è occupata di tecnologia nella sezione Business. Si è laureata al MIT e alla Columbia University.


Lo studio è stato pubblicato nel Morbidity and Mortality Weekly Report del CDC il 3 ottobre. Ha rilevato che il numero di adolescenti, dai 16 anni in su, che hanno ammesso di bere e guidare è diminuito del 54% dal 1991.

Il dottor Thomas Frieden, direttore del CDC, ha dichiarato:

"Ci stiamo muovendo nella giusta direzione, ma dobbiamo mantenere lo slancio".

[Per il massimo affare per un'auto, un furgone, un camion o un SUV nuovi o usati, dai un'occhiata a Sandy Springs Scion immediatamente!]

Possibili ragioni del declino

Il CDC ha suggerito molte ragioni che potrebbero aver influenzato il declino. Il fattore più importante, secondo il rapporto, è stata l'efficacia delle misure preventive, come leggi più rigide e restrizioni rafforzate per i conducenti più giovani.

Ora è illegale per le persone di età inferiore ai 21 anni bere in tutti i 50 stati. Inoltre, in nessuno stato esiste una soglia minima per il tasso alcolemico nel sangue per i minori. Qualsiasi quantità di alcol nel loro sangue li farà arrestare, se catturati al volante.

Il rapporto del CDC ha anche ipotizzato che parte del calo potrebbe essere dovuto al fatto che gli adolescenti guidano meno frequentemente di una volta. Ha riferito che il 22% degli studenti delle scuole superiori non ha guidato affatto in una determinata settimana quest'anno. Quel tasso era solo del 15% nel 2000.

Gli adolescenti stanno anche guidando per lavorare meno frequentemente dopo la Grande Recessione. Lo sconvolgimento economico ha cancellato 2,7 milioni di posti di lavoro per adolescenti, secondo un rapporto del gruppo di difesa Young Invincibles all'inizio di quest'anno. Ciò potrebbe anche aver lasciato gli adolescenti con meno soldi in tasca in modo che non fossero in grado di permettersi un prestito per l'auto o una benzina costosa.

Un'altra ragione del declino, ipotizza il rapporto, è che molti stati ora implementano le leggi sulla guida graduata. I GDL pongono restrizioni sulle ore che gli adolescenti possono guidare e sul numero di passeggeri non adulti che possono avere come passeggeri.

Frieden ha detto, in una teleconferenza:

“La diffusione e l'applicazione dei GDL è una vera storia di successo nell'ultimo decennio. Abbiamo visto decessi per guida di adolescenti diminuire di quasi il 40% in meno di cinque anni a causa delle leggi GDL e di altri interventi”.

Ancora un grosso problema

Nonostante i numeri diminuiti, gli adolescenti che bevono e guidano sono ancora molto preoccupanti. Gli incidenti automobilistici sono ancora la principale causa di morte tra i 13 ei 19 anni. Nel 2010, più di 2.200 adolescenti americani sono morti in incidenti stradali. Ottocento, o quasi un terzo, erano legati all'alcol.

Preoccupazioni di auto-segnalazione

Il CDC ha utilizzato i dati delle indagini nazionali sul comportamento a rischio dei giovani per compilare il suo rapporto. Il fatto che i numeri elaborati siano stati tutti autodichiarati, almeno per chi scrive, richiede una certa cautela. La ridotta tolleranza al bere e alla guida di oggi non potrebbe anche motivare un adolescente a non ammettere l'atto con la stessa libertà che avrebbe potuto fare una volta? Nella mia esperienza, sorprendentemente, gli adolescenti non sempre dicono la verità.


Comunicato stampa

Quasi un milione di adolescenti delle superiori bevono e guidano ancora ogni anno

La percentuale di adolescenti delle scuole superiori (di età pari o superiore a 16 anni) che hanno guidato mentre bevevano alcolici è diminuita del 54% tra il 1991 e il 2011, secondo uno studio sui segni vitali pubblicato oggi dai Centers for Disease Control and Prevention. Nove ragazzi su dieci delle scuole superiori (di età pari o superiore a 16 anni) non hanno bevuto e guidato nel 2011.

&ldquoCi stiamo muovendo nella giusta direzione. I tassi di alcolismo e guida tra adolescenti si sono dimezzati in 20 anni", ha affermato il direttore del CDC Thomas R. Frieden, M.D., M.P.H. &ldquoMa dobbiamo mantenere lo slancio: un adolescente su 10 delle superiori, dai 16 anni in su, beve e guida ogni mese, mettendo in pericolo se stesso e gli altri.&rdquo

Per lo studio, il CDC ha analizzato i dati dei sondaggi nazionali sul comportamento del rischio giovanile del 1991-2011 (YRBS). Questi sondaggi nazionali hanno chiesto agli studenti delle scuole superiori se avessero guidato un veicolo quando avevano bevuto alcolici una o più volte durante i 30 giorni precedenti l'indagine, i ricercatori del CDC hanno concentrato la loro analisi su studenti di età pari o superiore a 16 anni.

Lo studio ha inoltre rilevato che:

  • Gli adolescenti sono stati responsabili di circa 2,4 milioni di episodi di alcolismo e guida al mese nel 2011 e alcuni hanno commesso comportamenti pericolosi più di una volta al mese.
  • I ragazzi delle scuole superiori di età pari o superiore a 18 anni avevano maggiori probabilità di bere e guidare (18 percento), mentre le ragazze delle superiori di 16 anni erano meno probabili (6 percento).
  • L'ottantacinque per cento degli adolescenti delle scuole superiori che hanno riferito di aver bevuto e guidato nell'ultimo mese ha riferito anche di binge drinking. Per YRBS, binge drinking significa cinque o più drink in un breve periodo di tempo.

"Gli adolescenti imparano dagli adulti", ha affermato Pamela S. Hyde, l'amministratore della Substance Abuse and Mental Health Services Administration. &ldquoEcco perché è di fondamentale importanza che i genitori, gli insegnanti, gli allenatori e tutti gli adulti premurosi nella vita di un giovane parlino con loro presto e spesso dei pericoli del consumo di alcol da parte dei minorenni, oltre che del bere e della guida.&rdquo

Molti sforzi hanno contribuito a ridurre il consumo di alcol e la guida da parte degli adolescenti. Alcune delle strategie comprovate ed efficaci includono le leggi in vigore in ogni stato che rendono illegale la vendita di alcolici a chiunque abbia meno di 21 anni e per i minori di 21 anni di guidare dopo aver bevuto alcolici, oltre ai sistemi di patente di guida graduati in ogni stato che consentire agli adolescenti di ottenere privilegi, come guidare di notte o guidare con passeggeri, nel tempo.

Anche i genitori hanno un ruolo cruciale da svolgere nel mantenere i loro ragazzi al sicuro sulla strada. Possono modellare un comportamento di guida sicuro e possono prendere in considerazione l'utilizzo di strumenti come accordi di guida genitori-adolescenti con i loro adolescenti. Le abitudini di guida sicure per gli adolescenti includono mai bere e guidare, seguire le leggi statali GDL e indossare la cintura di sicurezza in ogni viaggio.

L'Injury Center di CDC lavora per proteggere la sicurezza di tutti sulle strade, ogni giorno. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.cdc.gov/motorvehiclesafety. Inoltre, la campagna Parents Are the Key di CDC, all'indirizzo www.cdc.gov/parentsarethekey, offre ai genitori di conducenti adolescenti informazioni, strumenti e suggerimenti comprovati per aiutare a proteggere i loro ragazzi dagli incidenti.

Segni vitali è un rapporto CDC che appare il primo martedì del mese come parte della rivista CDC Morbidity and Mortality Weekly Report, o MMWR. Il rapporto fornisce i dati e le informazioni più recenti sui principali indicatori sanitari. Questi sono la prevenzione del cancro, l'obesità, l'uso di tabacco, la sicurezza dei passeggeri dei veicoli a motore, l'overdose di farmaci da prescrizione, l'HIV/AIDS, l'uso di alcol, le infezioni associate all'assistenza sanitaria, la salute cardiovascolare, la gravidanza adolescenziale, la sicurezza alimentare e l'epatite virale.

###
DIPARTIMENTO DELLA SALUTE E DEI SERVIZI UMANI DEGLI STATI UNITI

CDC lavora 24 ore su 24, 7 giorni su 7, salvando vite, proteggendo le persone dalle minacce alla salute e risparmiando denaro attraverso la prevenzione. Che queste minacce siano globali o domestiche, croniche o acute, curabili o prevenibili, disastri naturali o attacchi deliberati, CDC è l'agenzia nazionale per la protezione della salute.


Il numero di adolescenti che bevono e guidano è diminuito del 54% dal 1991

Il numero di adolescenti statunitensi che bevono e guidano è diminuito del 54% dal 1991, secondo un nuovo rapporto del governo. L'anno scorso, il 90% degli studenti delle scuole superiori di 16 anni ha dichiarato di non bere e guidare.

Il rapporto, dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ha rilevato che gli incidenti stradali rimangono la principale causa di morte tra gli adolescenti americani. “Ci stiamo muovendo nella giusta direzione. Le tariffe degli adolescenti che bevono e guidano sono state dimezzate in 20 anni", ha dichiarato in un comunicato stampa il direttore del CDC Thomas R. Frieden, M.D., M.P.H. "Ma dobbiamo mantenere lo slancio: uno su 10 adolescenti delle scuole superiori, di età pari o superiore a 16 anni, beve e guida ogni mese, mettendo in pericolo se stesso e gli altri".

Il CDC stima che quasi un milione di adolescenti delle scuole superiori dai 16 anni in su abbia guidato dopo aver bevuto alcolici nel 2011. Il rapporto afferma che l'85% degli adolescenti che hanno ammesso di bere e guidare ha anche partecipato a binge drinking nell'ultimo mese. Secondo Frieden, i conducenti più giovani hanno 17 volte più probabilità di morire in un incidente quando è coinvolto l'alcol.

Secondo la CNN, il 10,3% degli adolescenti ha ammesso di aver bevuto e guidato l'anno scorso, rispetto al 22,3% del 1991.

Lo studio ha rilevato che gli studenti maschi avevano maggiori probabilità delle studentesse di bere e guidare (11,7 percento contro 8,8 percento). Lo studio ha rilevato che l'11,5% degli studenti ispanici, il 10,6% degli studenti bianchi e il 6,6% degli studenti afroamericani hanno dichiarato di bere e guidare.

La riduzione del bere e guidare è dovuta a diversi fattori, tra cui l'innalzamento dell'età minima per bere a 21 anni in tutto il paese, osserva il rapporto. Altri fattori includono le leggi sulla tolleranza zero, che non consentono agli adolescenti di avere alcol nel loro sistema quando guidano, e un aumento dei programmi che facilitano i nuovi conducenti in pieni privilegi di guida, noti come patenti di guida graduata.


Guarda il video: Danni Epatici per abuso di alcool negli adolescenti (Giugno 2022).