Nuove ricette

Il consumo di carne e alimenti trasformati in Cina è in aumento. Cosa significa questo per la Cina?

Il consumo di carne e alimenti trasformati in Cina è in aumento. Cosa significa questo per la Cina?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Non solo è in aumento il consumo di carne, che ha stimolato il passaggio dalla produzione domestica e di piccole aziende agricole a operazioni di carne più grandi simili a fabbriche, ma anche l'assunzione di alimenti trasformati da parte della Cina è aumentata. I cambiamenti nella dieta che si verificano in Cina hanno effetti a catena in tutto il mondo.


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire deli tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire deli tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire deli tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, il che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire del tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire del tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire del tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, il che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire deli tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire del tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire del tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Cos'è esattamente una carne lavorata? E quanto è sicuro da mangiare?

Nel 2015, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la carne lavorata come cancerogena, che è proprio quello che sembra – qualcosa che provoca il cancro – perché questi alimenti hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al colon e potenzialmente altre forme di cancro. Ci sono stati anche studi che collegano le carni lavorate a un rischio più elevato di malattie cardiache e diabete. "Le prove attuali suggeriscono che maggiore è l'assunzione di carne lavorata, maggiore è il rischio di malattie croniche e mortalità", afferma Frank B. Hu, MD, PhD, Professore e Presidente, Dipartimento di Nutrizione, Harvard T.H. Chan School of Public Health. Hu osserva che, sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire una quantità sicura, è improbabile che mangiare una piccola quantità di carne lavorata occasionalmente (una o due volte al mese) abbia un impatto apprezzabile sulla salute.

Ora che sappiamo che l'occasionale hot dog o la fetta di pancetta non sono motivo di preoccupazione, che ne dici di un'abitudine di carne lavorata più di routine? E che dire deli tacchino? È fuori dai guai? Che ne dici di carni che affermano di non avere nitrati aggiunti? Non possono essere così male, vero? Per rispondere a queste pressanti domande, ci siamo rivolti a Colleen Doyle, MS, RD, Managing Director, Nutrition and Physical Activity presso l'American Cancer Society.

Relazionato

Notizie sulla salute Gli americani stanno ancora mangiando molte carni lavorate, secondo uno studio


Guarda il video: Limpatto ambientale della produzione di carne bovina (Potrebbe 2022).