Nuove ricette

Tagine di pollo tunisino

Tagine di pollo tunisino

Un'altra ricetta della categoria cibo tunisino, in Tunisia si mangia molto piccante, ma io ho scelto la versione meno piccante.

  • 500 gr di petto di pollo
  • 4 uova
  • 2 cipolle bianche
  • 4 spicchi d'aglio
  • 1 limone
  • 50 ml di olio d'oliva
  • 1 mazzetto di prezzemolo o foglie di coriandolo
  • sale pepe
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1/2 cucchiaino di zenzero
  • 1/2 cucchiaino di curcuma
  • 1 coltello vf zafferano macinato
  • 1 coltello vf buia iute

Porzioni: 4

Tempo di preparazione: meno di 90 minuti

RICETTA PREPARAZIONE Tajine di pollo tunisino:

Lavare il pollo e tagliarlo a dadini. In una padella profonda ho usato un wok di ceramica, ho messo l'olio d'oliva, ho lasciato scaldare e ho messo il pollo che è rimasto a rosolare. Cipolla e aglio puliti, lavati e tritati finemente. Aggiungere sul pollo e mescolare. Aggiungere prezzemolo tritato o foglie di coriandolo, mescolare e soffriggere. Aggiungere la curcuma, il sale, il pepe, la cannella, lo zenzero e la paprika. velocemente e mescolare. Mettere il limone su una grattugia piccola e mettere la buccia sulla carne. Spremere e aggiungere il succo di mezzo limone. Far bollire 200 ml di acqua in cui mettere lo zafferano e mescolare, quindi versare Mescolare il pollo. Mescolare e coprire con un coperchio per far sobbollire. Quando la carne sarà cotta e la salsa sarà scesa, sbattere le uova per la frittata con sale e pepe e versarvi sopra la carne, coprire con un coperchio e lasciar fare a fuoco basso, quando sarà pronta si mangia calda.

Siti di suggerimenti

1

Nella ricetta originale vengono utilizzate foglie di coriandolo e peperoncino.


Tajina di pollo tunisino - Ricette

Tagine di pollo e couscous è stata la prima ricetta che mi è venuta in mente quando ho ricevuto un pacco super generoso di golosità dai miei amici a Vita in salute. Spero che questa ricetta piaccia anche a voi perché a noi è piaciuta molto, molto. Ed è stata la prima opportunità di usare la ciotola di tagine che ho ricevuto da mio marito in un giorno speciale. La ricetta del tajine di pollo al couscous si prepara in modo relativamente semplice, in un massimo di un'ora si ha un alimento demenziale e appetitoso. È stata anche una buona occasione per provare il mixer verticale di Philips su cui puoi trovare informazioni qui , a un clic di distanza. E devo dirvi che insieme a Sano Vita e Philips stiamo preparando una piccola sorpresa per voi, quindi tenete d'occhio il blog/pagina facebook perché presto vi sveleremo di cosa si tratta. Ma fino ad allora devo portarti la notizia che puoi trovare questi miscelatori verticali con un consistente sconto del 30% di sconto sull'acquisto online di un miscelatore del genere se accedi al link sopra e inserisci il codice supercibi.

L'impastatrice mi è piaciuta molto prima di tutto perché è piccola di diametro ma alta, e le lamelle sono molto resistenti e si può fare la triturazione a gradini. Al momento l'ho provato per tagliare carote, cipolle e aglio e ho pensato che fosse fantastico, che fondamentalmente il potere di macinatura si fa a passi, con il semplice tocco di un pulsante. È molto, molto pratico. Tornerò con altre ricette per mostrarvi quanto sono utili gli altri accessori che accompagnano questo mixer verticale: il perno verticale e le palette per la funzione di miscelazione.

Ma è così che siamo tornati al nostro lavoro.

Ingredienti per la ricetta della Tajine di pollo con couscous

  • 500 gr di pollo disossato pelle e pelle
  • una cipolla rossa
  • una carota
  • 4 spicchi d'aglio
  • qualche cucchiaio di olio di semi di girasole
  • 200 gr di cous cous Sano Vita
  • una manciata di mirtilli rossi Sano Vita
  • alcune date Sano Vita
  • qualche anacardi Sano Vita
  • semi di zucca
  • semi di girasole
  • 1 cucchiaino di paprika
  • 1 cucchiaino di paprika
  • una goccia di zenzero
  • cumino
  • un cucchiaino di coriandolo
  • sale
  • 250 ml di acqua
  • prezzemolo verde tritato (facoltativo) mi piace metterlo per il colore
  • 1 cucchiaino di olio di cocco Sano Vita

Preparazione per la ricetta Tajine di pollo con couscous

Per prima cosa tagliate il petto di pollo in pezzi adatti. Sbucciare una zucca, grattugiarla e metterla nel tritacarne Philips. In pochi secondi li macinerai alla dimensione desiderata. Li ho tritati molto perché mi piace che si trasformino in salsa durante la cottura. Ma puoi lasciarli e tagliare alla grande.

Riscaldare gradualmente la ciotola (base) di tagine. Mettere i pezzi di petto di pollo e farli sbiancare lentamente su tutti i lati. Aggiungere il trito di morco, cipolla e aglio. Mescolare le spezie e aggiungere una tazza d'acqua (circa 250 ml). Coprire e cuocere a fuoco lento per 40 minuti.

Friggere in un cucchiaio di olio di semi di girasole e un cucchiaino di olio di cocco semi di zucca, girasole, anacardi. Solo pochi secondi.

Quindi metteteli nella ciotola della tajine, insieme ad alcuni chiodi di garofano e datteri. Coprire e lasciare per circa 5 minuti. Verso la fine incorporare il cous cous. Fondamentalmente dovrai tirare la composita dalla ciotola di tajine verso i bordi della ciotola e accordare il couscous al centro, stendendolo. Coprire e lasciare per qualche minuto. Trarrà tutto il succo e tutto diventerà follemente buono.

Mangiare caldo con prezzemolo (o coriandolo verde se vi piace). Io preferisco mettere un po' di prezzemolo tritato, giusto qualche foglia, per il colore, anche se è questione di scelta e di gusto. E non mi piace per niente il coriandolo verde. Ma, ovviamente, puoi lasciarlo senza.

Allora cosa ne dici? Stai provando anche tu la ricetta della tajine di pollo con cous cous?!

Per essere sempre aggiornato su tutte le ricette e le storie di Tara Bucatelor, non dimenticare di mettere Mi Piace alla Pagina FB e di iscriverti al canale Youtube. Mi trovi qui su Instagram!

La condivisione è la cura! Se ti è piaciuta questa ricetta, condividi l'articolo con i tuoi amici su Facebook. Grazie


Cucina tunisina

L'odierna Tunisia (al Jumhuriyah at-Tunisiyah) ha una popolazione di circa 10 milioni, per lo più arabi-berberi. La lingua parlata è l'arabo e la religione è musulmana. Il suo territorio è di 164.000 km2 e confina a sud-est con la Libia, a ovest con l'Algeria e a nord e est con il Mar Mediterraneo. Il clima è temperato al nord e molto caldo e secco al sud.

Breve descrizione
La cucina tunisina è un misto di tradizioni culinarie mutuate dagli abitanti del deserto e dalla gastronomia europea e orientale. Il modo specifico in cui è speziato è stato influenzato dai vicini paesi mediterranei e da molte civiltà che hanno lasciato il segno nella cultura tunisina: fenicia, rumena, araba, turca, ebrea, francese, italiana e berbera.
Molti degli stili di cucina e degli utensili sono nati nei giorni in cui le antiche tribù indigene erano nomadi. Questi erano limitati all'uso di navi che potevano essere trasportate e di quelle che potevano essere fabbricate in loco.
A differenza di altre cucine nordafricane, quella tunisina è piccante e speziata. Un'antica leggenda dice che un marito tunisino può misurare le condizioni della moglie dalla quantità di pepe usata in cucina. Se il cibo diventa fata, l'uomo può essere sicuro che sua moglie non lo ama più.

Piatti tunisini specifici
Sito di cous cous è il cibo nazionale dei tunisini e può essere preparato in innumerevoli modi. Viene cucinato in un piatto speciale, doppio, chiamato cuscusiera. La carne e le verdure vengono cotte nella metà inferiore. Quello superiore ha un fondo forato, come un setaccio metallico, attraverso il quale sale il vapore, che cuoce i grani contenuti nella metà superiore del recipiente. Cotti in questo modo, i chicchi assumono l'aroma di ciò che viene cotto sotto di loro. Il cereale più comune è la semola.
Al momento di servire, i grani vengono distribuiti al centro del piatto e la carne e le verdure vengono posizionate sopra. Prima di servire, una salsa può essere versata su tutto il set.
Il termine "couscous" deriva dalla lingua berbera ("seksou"), che significa semplicemente cibo. Il cous cous viene cucinato in tutta l'Africa araba, ma quello dei tunisini si differenzia per il colore leggermente rossastro, dovuto all'harissa e al concentrato di pomodoro.

Bouza è una torta preparata con nocciole e sorgo.

Chakchouka è uno stufato preparato con piselli, pomodori, peperoni, aglio e cipolle, servito con uova sode in acqua.

Harissa è un sugo, o pasta, piccante, di colore rosso, che si serve in quasi tutti i cibi. Mentre i tunisini mangiano piccanti e piccanti, i ristoranti e gli hotel preparano i menu tenendo conto del gusto dei clienti, quindi l'harissa viene servita separatamente. Questa pasta è fatta con peperoncino essiccato, aglio e altre spezie. L'harissa e l'olio d'oliva sono ingredienti quasi universali nella cucina tunisina.

Samsa è composto da sottilissime partenze di pasta frolla, alternate a strati di granella di nocciole tostate e semi di sesamo, sciroppata con sciroppo di limone e acqua di rose.

Taginele, già famosi in tutto il mondo, sono stufati cotti in pentole di coccio, chiuse con coperchi.

Il pane è onnipresente sulla tavola dei tunisini. Dalla baguette al pane contadino, cotto nei forni di argilla chiamati "tabouna", ogni regione del paese ha le sue specialità. Nessun pasto è completo senza pane fresco.

Il rituale del pasto
Un pasto estivo può consistere in olio d'oliva spremuto in casa, alcune olive verdi, pane contadino e un'insalata di ravanelli o pomodori, servita con pesce alla griglia. Benedetta da centinaia di chilometri di costa che si affacciano su un Mediterraneo incontaminato, la Tunisia ha, ovviamente, come ingrediente principale della sua cucina, pesce e frutti di mare, ogni regione, e in particolare Jerba, che vanta le sue ricette specifiche.

Il pasto per i tunisini è un evento sociale ed è tanto migliore quanto più dura.
Come tutte le cucine mediterranee, ai tunisini piace "disturbare" il palato con una serie di piccoli antipasti, che in Grecia, Turchia o Libano si chiamano mezze (da cui il termine salsicce) e qui si chiamano "chimica": tonno, conchiglie, polpi , olive, harissa, merguez.

Un pasto tipico inizia con la "chorba frik" - una zuppa di agnello con concentrato di pomodoro, coriandolo, prezzemolo e spezie varie, in cui le verdure fresche vengono cotte a fuoco lento, il tutto servito poi con fette di limone. Seguono poi i deliziosi pezzi di "brik" (agnello, manzo o verdure e uova avvolti in una sottile sfoglia e poi fritti nell'olio) seguiti da insalata "mechouia" - peperoni verdi grigliati, pomodori e aglio tritato finemente, a cui sono aggiunta di spezie, pesce, uova sode, olive e capperi. Segue uno spezzatino, o "tagina", agnello o vitello, oppure una ricca frittata con carne macinata, verdure e formaggio. Insalate fresche, pasticcini, caffè e tè completano il pasto.

I pasti delle feste lasciano libero sfogo alla fantasia degli chef, anche se gli ingredienti di base non cambiano.
In occasione del Mouled (quando si commemora la nascita del Profeta Allah), in tutta la Tunisia viene servito lo "zgougou", una sorta di budino dolce preparato con pinoli con crema alla vaniglia e decorato con nocciole o pistacchi.

Air El Fitr, il giorno che segna la fine del Ramadan (digiuno musulmano), viene celebrato da ogni famiglia visitando famiglie amichevoli e scambiando pasticcini e torte fatte in casa.I più popolari sono "makroudh" e "bakloua".

Aid El Kebir (festa che ogni anno segna la fine del pellegrinaggio musulmano alla Mecca) porta sulla tavola dei tunisini decine di piatti preparati con l'agnello: "cuminia", "osbane", "mechouia".

Ras El Am (il capodanno musulmano) non si festeggia con lo champagne, ma con "mloukhia" o "mouloukhia", che significa juta. Le foglie della pianta si seccano e si trasformano in polvere, venendo poi utilizzate per addensare e insaporire stufati, riso, zuppe, ecc.

Grandi amanti dei dolci, i tunisini hanno adottato la baclava turca, sottilissimi strati di pasta intervallati da pinoli macinati, mandorle, nocciole, noci e pistacchi, ammollati nel burro, cotti al forno e sciroppati con miele. Non si può concepire alcuna festa o pasto festivo senza di loro.

"Makroudh", una specialità Kairuan a base di pasta di semola ripiena di datteri, pasta di mandorle, è estremamente popolare. Il tè alla menta è, insieme al caffè, la bevanda più diffusa.

A differenza di altri paesi nordafricani, la Tunisia ha vaste aree fertili, adatte alla coltivazione della vite. I vini tunisini coprono una vasta gamma di tipologie: rosso, bianco, rosa e geranio. L'arte della vinificazione qui risale dalla prima antichità all'agronomo Magon, che visse a Cartagine durante gli antichi Fenici, ricordate nel suo Trattato sulla viticoltura, tecniche di produzione del vino ancora oggi utilizzate.
.


Orata con harissa - Ricetta tunisina


5,0 - 24 voti


l'harissa è una spezia tunisina, diffusa in tutto il Nord Africa. Estremamente piccante, la pasta di harissa dona un sapore speciale a tutte le ricette, siano esse di carne, verdure o cous cous. la spezia dei peperoni piri-piri risveglia gli aromi delle altre spezie e basta una piccolissima quantità di harissa per dare sapore al cibo.
harissa è una pasta a base di peperoncino (piri-piri, serrano o altri peperoncini molto piccanti), olio d'oliva, cumino, coriandolo, succo di limone, aglio.
in tunisia l'harissa è servito per qualsiasi piatto o mezze. Che si tratti di marinare la carne, aggiungerla a vari stufati di pesce o verdure, o aggiungere sapore a ricette di couscous o zuppe, i tunisini adorano l'harissa e la usano in una varietà di combinazioni.

L'orata con harissa è una ricetta dal forte sapore tunisino, che spero possa farvi una piacevole introduzione all'atmosfera colorata e calda della cucina nordafricana.

ingrediente:
-un'orata
-Harissa
-pasta di pomodoro
-una cipolla rossa piccola
-3 spicchi d'aglio
-una foglia di alloro
-un po' di farina
-olio
-sale, pepe nero
-un limone
-prezzemolo tritato (o coriandolo fresco)


è così che si vende l'harissa, in tubi o in scatole.


se non la trovate pronta, potete farla in casa con gli ingredienti di cui sopra (mescolare in un robot da cucina fino ad ottenere una pasta omogenea).
ora faremo un trucco per insaporire ancora meglio il pesce. lavare l'orata e scolarla bene o pulirla con un canovaccio da cucina.
tagliare il pesce, cospargerlo con un po' di sale e pepe e poi massaggiarlo con l'harissa.


l'harissa deve penetrare anche nelle tacche, per insaporire bene la carne. coprite con pellicola e lasciate in frigo per almeno 30 minuti.


quindi passare il pesce nella farina e friggerlo in olio ben caldo a fuoco medio.


quando è ben rosolata torna dall'altra parte.


portare su un piatto. nell'olio rimanente (non più di 2 cucchiai) soffriggere leggermente la cipolla tritata.


quando la cipolla sarà leggermente colorata, aggiungete un cucchiaio di concentrato di pomodoro.


mescolare e poi versare un bicchiere di acqua calda.


portare a bollore a fuoco basso. aggiungere l'aglio schiacciato e la foglia di alloro. mettere un cucchiaino di harissa (attenzione che fa caldo).


quando il sugo si sarà ristretto, rimettere in padella l'orata fritta, coprirla con il sugo e farla bollire per qualche minuto. ecco come i sapori si fondono perfettamente. se volete potete aggiungere al sugo qualche oliva.


una volta pronta, spremete mezzo limone sull'orata.


servire caldo. decorato con prezzemolo o coriandolo tritato (il coriandolo porta una nota più originale ed esotica).


servire con fettine di limone e guarnire con couscous o riso.
buon appetito!


Tagine di pollo

La tajine di pollo è un piatto tipico del Nord Africa, in particolare del Marocco. La parola araba tajine deriva dalla parola greca τεγκάνου (tegkanou) e si riferisce sia al piatto arabo che alla pentola di terracotta in cui viene preparato questo delizioso piatto, chiamato tajine (pronunciato tajine). tajine).

Il tajine può essere pollo, agnello o manzo. In Marocco, ma anche in altri paesi, si cucina solitamente in una pentola di terracotta tajini posta sulla brace, con il coperchio sopra, ma possiamo anche farlo sui fornelli o in forno.

Puoi anche cucinare questa tajine di pollo in una padella con un normale coperchio, nel caso in cui non disponi di una tajine di terracotta.

Lo faremo sul piano cottura/fornello, utilizzando una speciale pentola di terracotta per Tajini, una pentola che può essere utilizzata sul piano cottura a gas o elettrico e anche sul piano a induzione, ma sul piano a induzione devi fare un artificio: metti una lattina di ferro (per attirare la calamita e di default per operare sul piano a induzione) direttamente sul piano a induzione, e su questo piano appoggiare la pentola di terracotta Tajini.


Tagine di pollo con limoni sott'aceto

Come mi ero ripromessa parlando di limoni sott'aceto, oggi ho finito per coccolarmi con quel tajine di pollo che ha questi limoni nella lista degli ingredienti. La ricetta è della scheda che accompagnava il piatto di tajine alla consegna, è una ricetta davvero esotica, molto aromatica, la carne diventa tenerissima e il gusto dominante è il limone. Quindi, se vi piace il limone, vi piacerà anche questa ricetta, e se non amate il suo sapore, acidulo e leggermente amarognolo, vi conviene scegliere un altro metodo di preparazione delle tajine (con frutta secca, verdure varie, ecc.) :

Ingrediente:

  • 1-1,5 kg. pollo, pezzi da arrostire, io ho usato le cosce disossate
  • 3 cipolle piccole
  • 1 peperoncino rosso
  • 1-2 spicchi d'aglio1 cucchiaino di coriandolo macinato
  • 1 cucchiaino di peperone dolce
  • 1 bustina di zafferano
  • circa 10cm. zenzero fresco
  • 2 limoni sott'aceto
  • 150 grammi di olive verdi
  • 5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • succo di 1 limone
  • sale pepe
  • prezzemolo e coriandolo verde (avevo solo prezzemolo, non ho trovato coriandolo verde)

Il pollo viene porzionato, lavato e sgocciolato. Si scalda l'olio extra vergine di oliva nella ciotola della tajine, poi si friggono le cosce di pollo:

Si taglia il peperone a listarelle sottili, così come la cipolla, si sbuccia e si trita finemente lo zenzero, si schiaccia l'aglio, si tolgono dal vasetto i limoni in salamoia, si temperano con poca acqua calda e si tagliano a fette:

Cipolle, peperoni, zenzero, aglio, coriandolo, pepe e un cucchiaino di sale vengono adagiati sopra la carne nel piatto tajine:

Mescolare bene e lasciare sul fuoco per 3-4 minuti, durante i quali si mette in infusione lo zafferano in 500 ml. di acqua bollente. Versare l'acqua allo zafferano nella ciotola della tajine e aggiungere le fettine di limone sott'aceto:

Coprite la tajine con il coperchio e fate cuocere a fuoco bassissimo per mezz'ora, controllando di tanto in tanto se non serve un'ulteriore scorta di liquido.

Dopo 30 minuti, aggiungere il succo di limone nella ciotola e cuocere per altri 5-6 minuti:

Alla fine aggiungete le olive e le verdure tritate e aggiustate di sale e pepe:

Spegnete il fuoco e lasciate sotto il coperchio per 5-10 minuti prima di servire. Servire con cous cous semplice:

Ti è piaciuta questa ricetta?


Tajine marocchino o stufato di vapore

Tajine (tagine) è il nome generico per un tipo di cibo da Cucina nordafricana (Marocco, Tunisia, Algeria). La parola tajine si riferisce in realtà al piatto in cui viene cotto questo tipo di cibo.

Tradizionalmente, il tajine è una pentola di terracotta smaltata o dipinta, composta da due parti: la base rotonda e poco profonda e il coperchio tirato, conico, molto alto, che trattiene il vapore all'interno in modo che il cibo rimanga succoso. Dopo la cottura si mette da parte il coperchio e si porta in tavola la base come piatto da portata.

Il piatto tajine è ideale per piatti di carne, couscous e curry, e può essere utilizzato direttamente sui fornelli o in forno.

I piatti marocchini Tajine sono stufati piccanti e cotti lentamente, solitamente fatti con fette di carne o pesce, insieme a verdure o frutta. Il tajine marocchino spesso combina agnello o pollo con una miscela di ingredienti o spezie: olive, frutta, datteri, noci, limoni freschi o in scatola, miele e molte spezie.

Le spezie più utilizzate sono zenzero, cumino, curcuma, cannella e zafferano. La paprika e il peperoncino sono usati più spesso nelle tajine di verdure.

I piatti tajine sono serviti con couscous o pane. Poiché il coperchio convesso o conico consente il trasferimento del vapore nel recipiente di cottura, è necessaria una quantità minima di acqua per cuocere carne e verdure. Questo metodo di cottura è largamente praticato nelle zone dove le riserve idriche sono limitate o nelle zone dove non è ancora possibile bere.


Tagina di pollo

1. Prepara i limoni una settimana prima. Lavare bene, tagliare in quarti, salare con sale grosso e mettere in un vasetto. Spremere il succo di un limone su di loro.

2. Il giorno prima affettate il pollo, mettetelo in un'insalatiera con il succo di 3 limoni freschi, coriandolo, prezzemolo, menta, zenzero, cipolla e aglio tritati finemente, zafferano e peperoncino piccante. Mescolate bene e lasciate in frigo per 24 ore coperto con pellicola.

3. Il giorno dopo scolare i pezzi di pollo, conservare la marinata. Fate rosolare i pezzi di pollo in padella con un filo d'olio per 15 minuti a fuoco medio. Quindi vengono messi in una tajine (la tajina è, allo stesso tempo, un piatto - stufato - e un contenitore di argilla smaltata. È costituito da un grande piatto con i bordi rialzati e un coperchio conico. Altrimenti può essere usato come pentola sarmale o un coperchio con un coperchio), aggiungere la marinata, l'uvetta, i limoni con il succo, la composta di ananas e il resto degli ingredienti. Mescolare e aggiungere 1 tazza di acqua. Metti sopra i pezzi di pollo fritto.

4. Coprire e cuocere per almeno 1 ora a fuoco molto basso.
Vai con un vino bianco semisecco!


Bucatarie Tunisiana & # 8211 Maasem

Ho divorato questa specialità tunisina durante il mio viaggio nel deserto, quando mi sono fermato a Matmata, in un ristorante berbero. Il cibo è anche chiamato & #8220Fatima & #8217s mignolo & #8221, Fatima Zahra è la figlia di Maometto, e & #8220la mano di Fatima & #8221 è usata nei paesi musulmani come ciondolo, portachiavi o anche dipinta sul pareti della casa, perché custodisce i suoi occhi. Ho trovato la ricetta sul wiki.

Ingrediente:
& # 8211 500 g di pollo tritato
& # 8211 4 uova
& # 8211 2 cucchiai di parmigiano
& # 8211 spezie dalla madre tunisina: 4 spezie e cumino
& #8211 Torta di pasta sfoglia
& # 8211 olio d'oliva
& # 8211 patrunjel

Friggere il pollo in poche gocce di olio d'oliva. Due uova vengono bollite sode e tritate, le altre 2 vengono sbattute come una frittata. Mescolare: pollo, uova di entrambi i tipi, parmigiano, spezie, coprire con prezzemolo e conservare in frigorifero per 30 minuti la composizione ottenuta.

Mettere la composizione nella pasta sfoglia, incollando con acqua. Utilizzate preferibilmente una sfoglia di torta, chiudetela bene con acqua ai bordi e solo dopo mettete una seconda sfoglia. Friggere in olio d'oliva su entrambi i lati.

Questo è quanto, una ricetta semplice ma buonissima, soprattutto perché ci ricorda un viaggio meraviglioso.


Il tajine con pollo e limoni sottaceto è una specie di bistecca in umido. Tajine è in realtà il nome della nave in cui viene solitamente preparato questo cibo arabo.

Lavare e pulire la pelle delle cosce. Tagliate in quattro la cipolla e affettatela. Tagliare l'aglio a fettine sottili.
Aggiungi l'olio nella pentola a pressione o in qualsiasi pentola se non hai tajine o kukta, come si dice nella nostra pentola a pressione.
Quando è caldo, aggiungere i pezzi di pollo. Nel frattempo grattugiate lo zenzero e non sbucciatelo. Congelo sempre il mio zenzero, lo lavo e lo asciugo con un canovaccio usa e getta.
Macina il coriandolo. Ho aggiunto nel macinino, oltre al coriandolo e un po' di pepe, pezzi di aglio e sale grosso.


Si prepara lo zafferano. Prendete dell'acqua bollente e metteteci dentro il contenuto della bustina di zafferano, io ho usato lo zafferano in polvere, se lo avete nella sua forma naturale potete macinarlo un po'. Quasi istantaneamente, l'acqua si colorerà.
Aggiungere al pollo, lo zenzero, il coriandolo macinato, il pepe, il sale, la cipolla, l'aglio.
Dopo che si saranno un po' induriti, aggiungete l'acqua con lo zafferano ei limoni precedentemente affettati.
Chiudi il coperchio del kukta e lascialo per circa 45 minuti dal momento in cui inizia a fischiare.
Trascorsi i tre quarti d'ora, togliete il kukta dal fuoco, alzate la valvola dalla pentola a pressione e quando sarà uscito tutto il vapore togliete il coperchio. Aggiungere il succo di limone (aggiungere a piacere) e le olive.
Ora è possibile aggiungere anche il coriandolo tritato. Coprite con il coperchio, chiudete la valvola e lasciate cuocere a vapore per circa 10 minuti.

Per il cous cous, vi presento il mio metodo per fare il cous cous. Mettere il cous cous in una ciotola. Aggiungi acqua bollente. Dopo che l'acqua si sarà assorbita, mescolatela con una forchetta. Ripeti il ​​processo di volta in volta per i successivi 5 minuti.

Prima di servire tajine con pollo e limoni sott'aceto cospargere di zucchero.
Ovviamente userei il tagine rosso del Kitchen Shop.


Video: Come fare la tagine di pollo - videoricette di cucina marocchina (Dicembre 2021).